Matteo Salerno

Conseguito il diploma di conservatorio in flauto con il massimo dei voti a si è perfezionato a Roma presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Successivamente si è perfezionato con i migliori flautisti di fama internazionale tra cui Patrick Gallois, A.Nicolet, M.Larrieux, A.Adorjan e Gerard. Vince diversi concorsi per flauto e musica da camera tra cui, in giovanissima età, quello bandito dalla Filarmonica della Scala, presieduto da Riccardo Muti, in cui gli è stata assegnata una borsa di studio rivolta ai migliori diplomati italiani. Esercita la sua attività principalmente con ensemble di diversi generi esibendosi per conto delle principali istituzioni concertistiche italiane tra cui il Lingotto di Torino, il Teatro Pavarotti di Modena, il Teatro Coccia di Novara, la Fondazione Ravenna Manifestazioni, l’Associazione Angelo Mariani, l’Università Sant’Anna di Pisa, gli Amici della Musica di Perugia, Amici della Musica di Milano, Associazione Musicale Romana, Emilia Romagna Festival ecc. La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in diversi paesi stranieri tra cui Inghilterra, Germania, Spagna, Canada, Cuba, Malta, Kosovo, Albania. In qualità di solista si è esibito accompagnato dai I Solisti di Salisburgo, I Solisti della Scala e dall’Orchestra “Città di Ravenna”. Ha effettuato registrazioni per programmi radiofonici e televisive quali Rai Radio3 Suite, I concerti della domenica di Rai 3 e un concerto per Rai 1 trasmesso in mondovisione dalla sala Nervi in Vaticano in occasione del ventesimo anniversario di pontificato del Santo Padre; nell’occasione si è esibito come solista al fianco dell’attore Ugo Pagliai in un’interpretazione delle encicliche di Giovanni Paolo II. Prossimamente sarà impegnato nel radiodramma di Bruno De Franceschi che verrà trasmesso all’interno delle trasmissioni di Radio Tre Suite. La sua attività orchestrale la esercita come primo flauto dell’Orchestra “Città di Ravenna” ed in passato ha collaborato con l’Orchestra Luigi Cherubini per le produzioni con Riccardo Muti presso il Teatro S.Carlo di Napoli, a Malta e a Piacenza oltre che per produzioni con P. Fournellier, B. Pounidefert e K. Durgarjan; è stato inoltre membro dell’orchestra giovanile di Santa Cecilia e dell’Orchestra Internazionale d’Italia.
Suona un flauto di legno Powel ed insegna presso il la scuola comunale di musica “Malerbi” di Lugo.

Comments are closed